MENU

La fotografia è imprevedibile, a volte non ti concede nulla, neanche il tempo di pensare. Altre volte si ferma e ti aspetta, ti scruta e ti rende nervoso, vulnerabile. Ti mette alla prova, gioca con le tue fragilità, ti illude di avere tempo.

Vedere è già di per sé un atto creativo

Henri Matisse

Base Millevoi, Shama, Libano del Sud 2009

La fotografia si è impadronita della mia vita e ha deciso per me. Per anni soltanto un urlo strozzato in gola, una passione dirompente, uno svago tra le quattro mura di una caserma romana. Ho provato ad immaginare la mia vita fuori da quelle mura spesse, ad ascoltarmi più volte ma il rumore era molto forte e il caos genera confusione, devi toccare inevitabilmente il fondo per cercare la luce tra le ombre e la fotografia è la sintesi della mia vita.
La sensibilità è un dono proprio come lo è una fotografia.
Puoi immaginarla, persino visualizzarla ma non sarà mai quella che ti aspettavi, a volte delude, altre meno, qualche volta esalta.
Ho deciso di seguire il mio cuore, di sfidare me stesso e di onorare ogni singolo matrimonio che fotografo.
Ho deciso di fotografare poche coppie ogni anno perchè nessun altro può sostituire me stesso, perchè nella mia fotografia c'è la mia vita, la mia storia, le mie fragilità e il mio amore.
La fotografia per me è rimasta quella di un tempo, una passione travolgente, un urlo che fa vibrare il mio cuore e la mia anima.

la bellezza di ogni attimo

Quando penso ad un reportage di matrimonio cerco di creare qualcosa di personale e unico, lasciando che le cose accadano da sole, catturando l’autenticità di ogni attimo.

La semplicità assoluta, la ricerca estrema della bellezza in tutte le sue forme, emozionarsi per emozionare, questo il mio mantra. La ricerca, lo studio, percorsi personali paralleli hanno tracciato una linea nel mio approccio fotografico, prettamente di tipo fotogiornalistico, propenso al racconto piuttosto che alla costruzione di ricordi. Credo fortemente nella spontaneità, nell’intuitività visiva, nella ricerca quasi ossessiva del momento decisivo.

La sensibilità, prima di tutto.

REPORTER DI MATRIMONIO

in punta di piedi